Netflix in crisi: calano gli abbonati ed il titolo crolla in borsa

SerialmenteOttobre 23, 2020

Il mercato delle tv in streaming inizia a essere affollato, e il colosso Netflix inizia a perdere qualcosa: calo degli abbonati rispetto alle aspettative e crollo in borsa del 6%

Non si può parlare di una vera e propria crisi, ma Netflix, il colosso della tv in streaming comincia a mostrare qualche segnale di difficoltà. Il comparto, infatti, sta maturando: le tv che sfruttano la rete stanno proliferando, e la qualità della concorrenza aumenta. Per questo motivo il colosso Netflix (che la tv streaming l’ha inventata) ha visto un calo degli abbonati inferiore alle previsioni. Chiuso il terzo trimestre del 2020 con 2.2 milioni di nuovi abbonati. Sono meno, molti meno, rispetto alle previsioni in bilancio. Ecco perché è già scattato l’allarme, nonostante gli utili siano saliti a 790 milioni, sono inferiori alle stime.

“La crescita non può andare avanti all’infinito”, ha dichiarato a tal proposito Jim Nail di Forrester Research, definendo Netflix un “business maturo”: la graduale riapertura estiva ha automaticamente portato a un calo di utenti e di utilizzo della piattaforma, ma tutto ciò era ovviamente più che prevedibile. Ross Benes di eMarketer ha invece sostenuto: “Ci aspettiamo che le sottoscrizioni crescano proprio al di fuori dei confini Usa”. I nuovi lockdown a cui andrà incontro l’Europa, dunque, condizioneranno ancora i numeri.

Netflix resta il re dello streaming, ma il titolo crolla in borsa

Tecnicamente non c’è traccia di crisi, ma in realtà il campanello d’allarme sta suonando. Il giro d’affari di Netflix resta mostruoso, con ben 6.44 miliardi, ma la concorrenza comincia a premere: Amazon Prime Video, Google Play, Hulu, Vudu e Disney+ sono alcuni dei servizi più concorrenziali. Tra l’altro, il mercato inizia andare verso la saturazione, visto che i servizi streaming prendono sempre più piede. E un segnale inequivocabile è il crollo in borsa registrato a Wall Street, dove Netflix ha perso il 6% proprio a causa di questi piccoli segnali preoccupanti.

Categories
Tags
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: